INSMLI
Istituto Nazionale per la Storia del Movimento di Liberazione in Italia
"Ferruccio Parri" di Milano
Mappa per testata INSMLI, Parri - Milano Portale INSMLI INSMLI - Istituto Parri, Milano INSMLI - Istituto Parri, Milano

Abstract

Hai selezionato:

“Tempo”. Il settimanale illustrato di Alberto Mondadori 1939-1943
di Riccardo Lascialfari
pubblicato su Italia Contemporanea n. 228 , settembre 2002

Le pagine che seguono intendono ricostruire alcuni aspetti legati alla vicenda del settimanale "Tempo", la rivista illustrata che il giovane Alberto Mondadori fondò a pochi mesi dall’inizio della seconda guerra mondiale e che diresse fino al crollo del fascismo (il primo numero esce il 1º giugno 1939). A soli venticinque anni, insieme a un primo nucleo di giovani intellettuali, tra cui Indro Montanelli, Carlo Bernard e Lamberti Sorrentino – decisivo sarà comunque il sostegno del padre Arnoldo che finanziò l’impresa intuendone il possibile tornaconto politico -, Alberto tentò la strada che certe pubblicazioni estere, il modello sarà l’americana "Life", stavano battendo già da qualche anno: la recente introduzione della stampa a rotocalco rendeva praticabile l’idea di un giornalismo agile, divulgativo, basato sull’impiego massiccio delle immagini e del colore. "Quello che si diceva con le foto non lo so si diceva con il testo" ricorderà Munari, che di "Tempo" curò l’impostazione grafica. Gli articoli e le immagini della guerra che si susseguono settimanalmente dai fronti, il linguaggio ideologico e simbolico adoperato, tipico della "cultura militare" con la quale il regime aveva bulicamente nutrito coloro che il fascismo – ebbe a sostenere Alberto – lo trovarono "già nato e cresciuto", il divario creato dalla propaganda sempre più invasiva del Minculpop tra la guerra immaginata e quella reale: tutto ciò fa sì che l’esperienza di "Tempo" – alla quale si è sempre accennato ma di cui quasi mai si è scritto – non solo si inserisca a pieno titolo nella delicata fase di passaggio – culturale e storica – in cui il mondo dell’editoria e del giornalismo vennero a trovarsi sul finire degli anni trenta, ma permetta anche specifiche riflessioni sulla spinosa questione storiografica riguardante il consenso degli intellettuali al fascismo e il loro più o meno scoperto "nicodemismo".

Tags : ,
INSMLI "Ferruccio Parri" di Milano - v.le Sarca 336 (palazzina 15) - 20126 Milano Tel 02.6411061 - Fax 0266101600 - P.I. 07634660158 C.F. 80108310154. Copyright: Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Unported (CC BY-NC-SA 3.0)
Hex Wind designed by smslåntopplista.se