INSMLI
Istituto Nazionale per la Storia del Movimento di Liberazione in Italia
"Ferruccio Parri" di Milano
Mappa per testata INSMLI, Parri - Milano Portale INSMLI INSMLI - Istituto Parri, Milano INSMLI - Istituto Parri, Milano

Valerio Onida

(Milano, 30 marzo 1936)

Sposato e padre di cinque figli.

Frequenta il liceo Carducci e l’Università Statale. Membro della Federazione Universitaria Cattolica Italiana (FUCI), ne diventa presidente di circolo e incaricato di zona. Dopo la laurea in Giurisprudenza (con una tesi in Diritto costituzionale), è chiamato a prestare il serivizio di leva. Tornato dal militare comincia a lavorare nella stessa Università in cui ha studiato, in un primo momento come assistente, quindi come professore di Diritto costituzionale. Frattanto inizia ad esercitare la professione di avvocato, specializzato in questioni di Diritto costituzionale e amministrativo.

Negli anni Settanta collabora con le neo costituite Regioni, in particolare con la Regione Lombardia. Membro della commissione per lo statuto presieduta da Carlo Ripa di Meana, in seguito entra a far parte del comitato legislativo della Giunta, sotto le presidenze di Bassetti, Golfari, Guzzetti, Tabacci, Giovenzana, Ghilardotti, Arrigoni. In questi anni, assieme Umberto Pototschnig, Onida sviluppa il progetto di legge sull’ordinamento dei Comuni e delle Province. In virtù dell’esperienza acquisita, negli anni Novanta il Comune di Milano lo sceglie per lavorare sul proprio statuto.

Specializzatosi in questioni di diritto costituzionale e amministrativo, Onida assume la difesa sia della Regione Lombardia che di altre Regioni italiane in controversie con lo Stato davanti alla Corte costituzionale. Contestualmente si occupa anche di conflitti istituzionali, come ad esempio quelli nati fra il Consiglio superiore della Magistratura e il Ministero di giustizia, o fra la Procura di Milano e le Camere.

Il 24 gennaio 1996 viene eletto giudice della Corte costituzionale dal Parlamento italiano (riunito in seduta comune). Circa otto anni dopo, il 22 settembre 2004, diviene Presidente della stessa Corte. Lascia la carica il 30 gennaio 2005, tornando quindi ad insegnare e ad esercitare la professione di avvocato.

Attivo in numerose battaglie civili e politiche (per il “no” sia nel referendum sul divorzio del 1974 che nel referendum del 2006 sul progetto di riforma costituzionale, a favore del referendum di iniziativa radicale negli anni Ottanta), partecipa e promuove tuttora iniziative in difesa della Costituzione, oltre a incontri pubblici nelle scuole o in diverse sedi culturali, sindacali, politiche allo scopo di diffondere la cultura costituzionale.

Nel 2010 si candida alle primarie del Centrosinistra per le elezioni del sindaco di Milano, ottenendo il 13,41% delle preferenze.

Il 25 giugno 2011 il Consiglio generale dell’INSMLI lo ha eletto alla presidenza dell’INSMLI, in successione al Presidente Emerito della Repubblica Oscar Luigi Scàlfaro.

Presidente in carica del comitato direttivo della Scuola Superiore della Magistratura, dal 2009 al 2012 lo è stato anche dell’Associazione italiana dei costituzionalisti. Docente di giustizia costituzionale presso l’Università degli Studi di Milano, opera come volontario allo “sportello giuridico” per i detenuti nel carcere di Bollate.

Biografia estrapolata da: http://www.milanonida.it/biografia

INSMLI "Ferruccio Parri" di Milano - v.le Sarca 336 (palazzina 15) - 20126 Milano Tel 02.6411061 - Fax 0266101600 - P.I. 07634660158 C.F. 80108310154. Copyright: Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Unported (CC BY-NC-SA 3.0)
Hex Wind designed by smslåntopplista.se